Curiosità

C’ERA UNA VOLTA……..E C‘È ANCORA “LA PERMANENTE”

Sui capelli ricci si è scritto, cantato, dipinto, fantasticato e chissà cos’altro. I riccioli rendono l’immagine della donna più naturale, morbida, fantasiosa e dinamica. I volumi creati dal movimento dei capelli incorniciano il viso e possono equilibrare l’intera immagine della persona.

Dalla metà degli anni 90, per circa 15 anni, il riccio era sparito o quasi dai trend e dalle proposte moda ma negli ultimi anni è tornata la voglia di volume e di movimento soprattutto nelle ragazze e donne che ricercano un look più “easy”, libero ed ispirato al naturale.

Negli anni 80 la permanente era uno dei servizi più effettuati dai parrucchieri, un servizio richiesto anche nel settore maschile. Questo servizio caduto nel dimenticatoio non solo per via delle proposte moda, non era stato compreso fino in fondo anche da molti acconciatori ed eseguito da questi, molto spesso, senza le capacità tecniche richieste per effettuarlo. Questo ha generato una serie di equivoci, fraintendimenti, leggende. Cerchiamo con questo articolo di fare chiarezza sulla Permanente.

In realtà la “permanente” si chiama “ondulazione permanente” proprio per il fatto che il movimento creato permane nel tempo. E come esiste l’ondulazione permanente esiste anche la stiratura o relax permanente.

Per alcuni anni gli acconciatori hanno chiamato l’ondulazione permanente “supporto”. La parola supporto era utilizzata per lo più per non ricordare il servizio che molti avevano conosciuto negli anni 80 e che in molti casi non aveva lasciato un buon ricordo proprio per mancanza di sconoscenza tecnica.

Come è cambiata “la permanente” oggi?

Oggi l’ondulazione permanente è cambiata sotto molti aspetti, i più importanti sono:

  • Maggior attenzione e conoscenza del servizio da parte dei professionisti
  • Prodotti molto diversi dal passato con un’azione molto più delicata sui capelli
  • Maggior attenzione agli strumenti che permettono di realizzare questo tipo di servizio

L’ attenzione e la conoscenza tecnica dei professionisti per questo servizio delicato e particolare è aumentata proprio perché gli operatori del settore sentivano l’esigenza di poter proporre cambiamenti non solo per quanto riguarda il colore ma anche per la forma e i volumi dei capelli.

Negli ultimi 20 anni le sostanze e le materie prime per eseguire questo servizio hanno subito diverse trasformazioni e si sono sempre più raffinate, questo grazie anche alla ricerca e sviluppo da parte dei chimici molto attenti e alle moderne tecnologie di produzione.

Lo “strumento” per eccellenza per effettuare il servizio di ondulazione permanente è ed era il bigodino, piccoli e bruttini anche a vedersi una volta, adesso sono quasi oggetti di design. Oggi però non si utilizzano solo i semplici bigodini, ci sono stick di diverse misure e clip per rendere più morbido e naturale l’effetto, bigodini concavi e/o convessi per creare movimenti non uniformi, tecniche miste per ondulare o arricciare solo parzialmente i capelli e chissà cos’altro verrà studiato in futuro.

E tu che fai? Muovi i tuoi capelli!

Scrivimi pure se vuoi altre informazioni.

Consulta Info Privacy Consulta Cookie Policy